Alighiero BOETTI

Biografia
Alighiero BOETTI

TORINO 1940 - ROMA 1994

Alighiero Boetti nasce a Torino nel  1940 da una famiglia nobile; autodidatta, approda all'arte dopo aver abbandonato gli studi di Economia e Commercio.
Il suo esordio avviene nel 1967 nell'ambito del gruppo Arte Povera, le sue opere più celebri sono arazzi di diverso formato in cui sono inserite, suddivise in griglie, frasi e motti inventati dall'artista.
Nel 1971 scopre l’Afghanistan e avvia il lavoro artistico che affida alle ricamatrici afghane; vengono realizzate le Mappe, i Planisferi colorati che riproporrà lungo gli anni come registro dei mutamenti politici del mondo; l'anno successivo si trasferisce a Roma.
Negli anni a seguire nascono i Monocromi a biro in cui la campitura tratteggiata su carta mette in scena il linguaggio, i Lavori postali, gli Esercizi a matita su carta quadrettata, basati su ritmi musicali o matematici  e i Tutto, fitti puzzle in cui si ritrova davvero tutto: figure da rotocalchi, oggetti da scrivania, sagome di animali.
Boetti propone a sé stesso dei sistemi nei quali agire, spesso coinvolgendo altre persone, oppure sono la geografia, la matematica, la geometria, i servizi postali, a fornire la piattaforma delle proprie scelte. Il suo lavoro mette in discussione il ruolo tradizionale dell'artista, interrogando i concetti di serialità, ripetitività e paternità dell'opera d'arte.
Agli anni '80 e '90 risalgono le composizioni colorate e di tecnica mista su carta in cui scorrono schiere di animali.
Il tema ricorrente ed unificante della sua arte è rappresentato dal tempo e dal suo scorrere con il suo fascino.
Boetti muore il 24 aprile 1994 a Roma.


Mostre
Opere
Tag: